Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più ti invitiamo a consultare la sezione dedicata

Contattaci » (+39) 02 95 87 042

BIMECAR CARRELLI ELEVATORI SRL è iscritta all'albo di Regione Lombardia, degli operatori accreditati al n.864, sezione B per l'erogazione della formazione agli utilizzatori dei carrelli elevatori ed è, a tutti gli effetti, Ente formatore accreditato ai sensi della L.R. n.19/2007 art.26 del D.G.R. n.2412 del 26.10.2011 e del D.G.R. n. 9749 del 31.10.2012.

L’Accordo Stato-Regioni che impone al datore di lavoro di formare, con adeguati percorsi obbligatori, gli utilizzatori di carrelli elevatori, elevando il loro grado di consapevolezza circa i rischi tecnici del carrello e quelli strutturali della sede lavorativa e informandoli su tutte le misure applicate per la tutela della sicurezza e della salute.

®   La nuova normativa, oltre ad allungare la durata dei corsi rispetto alla media attuale, prevede che essi possano essere organizzati soltanto da enti formatori, appositamente accreditati dalle Regioni. Nel provvedimento vengono quindi identificati i soggetti formatori che potranno erogare i corsi, i requisiti dei docenti e dei corsi (organizzazione, articolazione percorso formativo, metodologia didattica, programma dei corsi, attestazione).

Quante ore di formazione? Per i conducenti di carrelli elevatori semoventi la durata del corso si articola in 12 ore (8 teoria + 4 pratica). 

L’abilitazione deve essere rinnovata ogni 5 anni con un corso di aggiornamento, della durata di minimo 4 ore (di cui almeno 3 dedicate ai moduli pratici). 

 

Riconoscimento della formazione pregressa

E chi ha già svolto un corso di formazione per carrellisti, cosa dovrà fare per mettersi in regola?

®     - Chi ha svolto corsi di formazione della durata complessiva non inferiore a quella prevista dall’attuale legge (12 ore) con modulo teorico, pratico e verifica finale, avrà riconosciuto il corso già effettuato.

®    -  Chi invece ha svolto un corso di durata inferiore, dovrà integrarlo entro due anni (a partire dal giorno dell’entrata in vigore dell’accordo, 12/3/2013) con il modulo di aggiornamento e relativa verifica finale.

®    -  Chi non sarà in grado di documentare con le modalità specificate la formazione dei lavoratori, anche già assunti da tempo ed esperti, non potrà più adibirli all’uso delle attrezzature di lavoro (carrelli, muletti, piattaforme ecc.) se non dopo aver effettuato i corsi completi, secondo le nuove regole, presso gli enti accreditati.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Il corso di formazione per l’abilitazione per l’utilizzo dei carrelli elevatori, si articola in due parti, una teorica ed una pratica  e mira  a fornire tutte le informazioni necessarie per l’uso corretto ed in sicurezza, dei carrelli elevatori, testo unico 81/2008 Art. 73, comma 5, regolamentate dall’accordo Stato/Regione, rep. atti N.53/CSR del 22.02.2012

Ad ogni partecipante viene rilasciato il manuale operatore di carrelli elevatori ed al superamento delle prove teoriche e pratiche oltre che alla partecipazione minima prevista del 90% del corso, verrà rilasciata l’Abilitazione per Operatori addetti alla conduzione di Carrelli semoventi con conducente a bordo.

                     Durata                                      12 ore per il corso base – 4 ore per il corso di aggiornamento

                    Svolgimento                               Formatore con attestato di abilitazione al training carrellisti

                    Numero massimo partecipanti   10/12 operatori per la parte teorica – 6 per la parte pratica

                     Documentazione fornita            Manuale operatore di carrelli elevatori

 

 

                    Esclusiva Formula Inhouse con i mezzi presenti presso il cliente

 

Al superamento delle prove teoriche e pratiche, oltre che alla partecipazione minima prevista del 90% del corso, verrà rilasciata l’Abilitazione per Operatori addetti alla conduzione di Carrelli semoventi con conducente a bordo. Per la prova pratica, è richiesto un abbigliamento adeguato all’ambiente di lavoro e i DPI previsti- Dispositivi di Protezione Individuale.

 

 

 

Parte teorica

 

Modulo 1 – Giuridico – Normativo

 

Presentazione dei corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento alle disposizioni di legge in materia di uso delle attrezzatura di lavoro (D.Lgs. n. 81/2008). Responsabilità dell’operatore.

 

 

Modulo 2 – Tecnico

 

Tipologie e caratteristiche dei vari tipi di veicoli per il trasporto interno: dai transpallet manuali ai carrelli elevatori frontali a contrappeso.

 

Principali rischi connessi all’impiego di carrelli semoventi: caduta del carico, rovesciamento, ribaltamento, urti delle persone con il carico o con elementi mobili del carrello, rischi legati all’ambiente (ostacoli, linee elettriche, ecc.), rischi legati all’uso delle diverse forme di energia (elettrica, idraulica, ecc.).

 

Nozioni elementari di fisica: nozioni di base per la valutazione dei carichi movimentati, condizioni di equilibrio di un corpo. Stabilità (concetto del baricentro del carico e della leva di primo grado). Linee di ribaltamento. Stabilità statica e dinamica e influenza dovuta alla mobilità del carrello e dell’ambiente di lavoro (forze centrifughe e d'inerzia). Portata del carrello elevatore.

 

Tecnologia dei carrelli semoventi: terminologia, caratteristiche generali e principali componenti. Meccanismi, loro caratteristiche, loro funzione e principi di funzionamento.

 

Componenti principali: forche e/o organi di presa (attrezzature supplementari, ecc.). Montanti di sollevamento (simplex - duplex - triplex - quadruplex - ecc., ad alzata libera e non). Posto di guida con descrizione del sedile, degli organi di comando (leve, pedali, piantone sterzo e volante, freno di stazionamento, interruttore generale a chiave, interruttore d'emergenza), dei dispositivi di segnalazione (clacson, beep di retromarcia, segnalatori luminosi, fari di lavoro, ecc.) e controllo (strumenti e spie dì funzionamento). Freni (freno di stazionamento e di servizio). Ruote e tipologie di gommature: differenze per i vari tipi di utilizzo, ruote sterzanti e motrici. Fonti di energia (batterie di accumulatori o motori endotermici). Contrappeso.

 

Sistemi di ricarica batterie: raddrizzatori e sicurezze circa le modalità di utilizzo anche in relazione all'ambiente.

 

Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione. Sistemi di protezione attiva e passiva.

 

Le condizioni di equilibrio: fattori ed elementi che influenzano la stabilità. Portate (nominale/effettiva). Illustrazione e lettura delle targhette, tabelle o diagrammi di portata nominale ed effettiva. Influenza delle condizioni di utilizzo sulle caratteristiche nominali di portata. Gli ausili alla conduzione (indicatori di carico e altri indicatori, ecc.).

 

Parte pratica

 

Modulo 3 – pratico

 

Contenuti:

 

Illustrazione, seguendo le istruzioni di uso del carrello, dei vari componenti e delle sicurezze.

 

Manutenzione e verifiche giornaliere e periodiche di legge e secondo quanto indicato nelle istruzioni di uso del carrello. Illustrazione e utilizzo del carica batteria (se previsto). Descrizione delle targhette identificative

 

Guida del carrello su percorso di prova per evidenziare le corrette manovre a vuoto e a carico (corretta posizione sul carrello, presa dei carico, trasporto nelle varie situazioni, sosta del carrello, ecc.)

 

Sessione di prova con i carrelli elevatori presenti in azienda con percorso stabilito per il carico, lo scarico e la movimentazione interna

 

Conclusioni.

 

MACCHINE SPECIALI